Emozioni e riflessioni in occasione del settimo appuntamento della rassegna ‘Castello di Parole’. Protagonista lo scrittore e giornalista Luigi Alfieri. Il ricavato della vendita del libro permetterà di acquistare ambulanze da portare in Ucraina

Emozioni e riflessioni in occasione del settimo appuntamento della rassegna ‘Castello di Parole’.

Data:
20 Luglio 2022

Emozioni e riflessioni in occasione del settimo appuntamento della rassegna ‘Castello di Parole’. Protagonista lo scrittore e giornalista Luigi Alfieri. Il ricavato della vendita del libro permetterà di acquistare ambulanze da portare in Ucraina

Emozioni e riflessioni in occasione del settimo appuntamento della rassegna ‘Castello di Parole’. Protagonista lo scrittore e giornalista Luigi Alfieri. Il ricavato della vendita del libro permetterà di acquistare ambulanze da portare in Ucraina 

Si è svolto lunedì scorso in Piazza del Vignaiolo a Riomaggiore il settimo appuntamento della rassegna culturale ‘Castello di Parole’. Protagonista lo scrittore e giornalista Luigi Alfieri, che ha presentato il suo libro ‘Da Leopoli a Kiev’, con le foto di Andrii Gorb. A dialogare con lui la curatrice della rassegna Ornella D’Alessio, la sindaca di Riomaggiore Fabrizia Pecunia e la politologa Mara Morini.

Il ricavato dalla vendita del libro è stato interamente devoluto alla popolazione ucraina. Saranno infatti acquistate delle ambulanze da portare in Ucraina.

La serata è stata preceduta da un preludio musicale con l’arpa celtica a cura della giovane artista Lucrezia Lazzerini Denchi. Un momento davvero emozionante e toccante.

Luigi Alfieri, con grande maestria e capacità di coinvolgere i presenti, ha portato la sua forte testimonianza, attraverso un vero e proprio reportage dentro la nazione aggredita, raccontando strade che non esistono più, edifici rasi al suolo, paesaggi urbani stravolti, un cammino dentro il male, nel dolore e nella crudeltà, nelle lacrime e nella violenza. Ha parlato di come la guerra distrugga la vita delle persone e colpisca la quotidianità delle famiglie.

“Abbiamo parlato di un tema molto importante e di attualità – ha detto la sindaca Fabrizia Pecunia -. La nostra rassegna ha affrontato e continuerà ad affrontare molti temi rilevanti di questi ultimi mesi e per questa tappa abbiamo voluto fare un’ulteriore passo in avanti parlando della guerra. Un tema che tocca la società e tantissime famiglie. Abbiamo voluto riflettere insieme su ciò che sta accadendo e sulle conseguenze devastanti che la guerra ha sulle persone. Abbiamo voluto far partire anche da qui, dalle Cinque Terre, un messaggio di pace. Tutti dobbiamo lavorare affinché questa situazione finisca. Noi, nel nostro piccolo, cerchiamo di fare arrivare il nostro aiuto alle famiglie ucraine e di aprire la nostra comunità per accogliere e sostenere le famiglie che arrivano dall’Ucraina”. Prima dell’inizio della presentazione del libro ha infatti preso la parola Irina, una donna che con i suoi bambini è arrivata a Riomaggiore, fuggendo dalla guerra. Irina, emozionata, ha ringraziato tutta la comunità di Riomaggiore per l’accoglienza riservata a lei e alla sua famiglia.

Il prossimo appuntamento con Castello di Parole è previsto per lunedì 1 agosto alle 21, alla Marina di Manarola. Saranno presenti Giorgia Serughetti e Carla Sanguineti, che presenteranno ‘Il Vento Conservatore’ e ‘No War!’.

Ultimo aggiornamento

20 Luglio 2022, 17:59

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679 dichiaro di aver preso visione dell’informativa privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati e alla pubblicazione di quelli necessari

;